sabato 1 gennaio 2011

IL FARO

Ruggendo
schiaffeggia l'onda il vento - innalzandola;
emerge dagli abissi la mia tempesta
in un turbinio di grigi e neri che mi attraversa,
e la furia indomita dell'anima mia
sento in me chiamare,
oltre il tempo delle nubi e dei tormenti,
la quiete
del faro tuo.

Nessun commento:

Posta un commento

Gentile amica/o, grazie per avere letto le mie poesie, spero tu le abbia gradite e abbia voluto lasciare un tuo commento. A presto!

Posta un commento